Legambiente Caltagirone propone l'abbattimento della diga Pietrarossa

«La diga di Pietrarossa è un ‘opera pubblica abusiva, che va demolita, con il conseguente ripristino dei luoghi e uno studio archeologico dell’intera zona, finalizzato al pieno recupero dei reperti dell’insediamento romano venuti alla luce in contrada Casalgismondo». La proposta-choc giunge dal circolo «Il Cigno» della Legambiente di Caltagirone, che non le manda certo a dire «ai protagonisti in negativo di una storia lunga più di 20 anni. Ai responsabili – spiega il presidente Sebastiano Russo – di questo ulteriore sperpero di denaro pubblico compiuto per realizzare un altro invaso dove non doveva esserci, con il solo risultato di consegnare alle comunità della zona un’altra opera pubblica abusiva e incompleta. Per di più, proprio loro giocano adesso allo scaricabarile. Nessuno si sente responsabile dei danni arrecati e dei rischi idraulici che corrono le popolazioni a valle dell’invaso».
La diga Pietrarossa appare sempre più un monumento allo spreco, uno dei più significativi esempi della Sicilia delle grandi incompiute e dei sogni che diventano sempre più miraggi. Non a caso si parla della storia di questa diga come di una metafora tutta isolana. Cominciata negli anni ’80, è costata sin qui la «bellezza» di 138 miliardi delle vecchie lire e risulta costruita per un buon 95 per cento.
I lavori hanno subito un brusco stop prima nel 1993 e poi, definitivamente, nel 1997, dopo il ritrovamento di un sito archeologico. Per completare la diga, che nel frattempo è stata pure interessata da alcune frane, ci vogliono oltre due anni e altri 30 mln di euro. La capienza totale sarebbe di 35 mln di mc d’acqua, mentre il volume medio annuo si aggirerebbe intorno ai 16 mln mc. Ora Legambiente, con coraggio, intende smuovere le acque, reclamando «una decisione del governo regionale, che continua, invece, a tacere».
Ma. Mes.

Da “La Sicilia” del 30/05/2010

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...