L'Agenzia di Sviluppo Integrato è ormai in liquidazione

[“La Sicilia”, giovedì 28 ottobre 2010, p. 46]

Agenzia sviluppo in agonia Caltagirone. Oggi Cda, il 5 assemblea straordinaria dei soci per la messa in liquidazione della società

Speranze al lumicino per l’Agenzia di sviluppo integrato, la società a prevalente capitale pubblico che ha promosso la crescita del Calatino e che adesso boccheggia. I 10 dipendenti non percepiscono lo stipendio da 5 mesi (da agosto erano passati da 36 a 24 ore per contribuire alla «cura dimagrante») e la chiusura è dietro l’angolo. Il 22 ottobre l’assemblea dei soci ha ritenuto la situazione irreversibile.
Per oggi pomeriggio il presidente Giuseppe Greco ha convocato, alle 16, il Cda per deliberare sulle determinazioni dell’assemblea dei soci e, alle 16,30, i sindacati, da tempo scesi in campo a sostegno dei lavoratori. E’, invece, convocata per il 5 novembre l’assemblea straordinaria dei soci per la messa in liquidazione della società.
«Nei pochi mesi del mio mandato – spiega Greco, che è anche presidente del consorzio Asi (Area sviluppo industriale) – con la collaborazione di Cda, dipendenti e sindacati, abbiamo ridotto i costi e lavorato a una seria ipotesi di rilancio, che passa però da un rinnovato impegno di tutti i Comuni dell’area, alcuni dei quali, alle prese con problemi di bilancio, non sono stati sin qui nelle condizioni di rispondere al meglio. Prima, però, di prendere atto, a malincuore, della circostanza che una fase storica (quella in cui l’Agenzia era epicentro di iniziative e attività) si è conclusa e che se ne apre un’altra, ritengo ancora percorribile, a determinate condizioni, la strada del rilancio. Non è detto, infatti, che l’amministrazione straordinaria sia a tutti i costi l’anticamera della chiusura, anche perché, nel frattempo, l’Agenzia sarà chiamata a gestire 1.200.000 euro (rimodulazione delle risorse del Patto agricolo) e 500mila per corsi di formazione al via».
Il sindaco di Caltagirone, Francesco Pignataro, si dice «amareggiato perché vengono dissipati i risultati di un lungo lavoro, in quanto il governo regionale ha interrotto i processi di sviluppo, introducendo una visione dirigistica che non ha tenuto in alcuna considerazione le esperienze migliori dei territori».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...