Bilancio e piano triennale della Provincia di Catania – chi ha votato no

Per un voto passa il bilancio: Castiglione e le destre “colossi dai piedi d’argilla”, PD e IDV astenuti, MPA spaccato.

2010.12.31 – Il bilancio di previsione e gli atti propedeutici ad esso (piano triennale delle opere pubbliche e piano delle alienazioni, per altro non conforme alla norma) hanno smascherato il livello indecoroso e di scarsa dignità politica di un’aula consiliare in cui è successo di tutto.
I consiglieri hanno mercanteggiato, il presidente della provincia appariva nottetempo per poi sparire senza entrare in aula.
Il risultato è stato uno spettacolo che ha avuto momenti di squallore e che ha infangato le stesse istituzioni rappresentate quando dall’invettiva (e mai a partire dalle idee) il centro destra, con Cannavò e Danubio, ha tentato di arrivare persino alla rissa.
Abbiamo votato No al bilancio, e al voto alleghiamo il rammarico per la sconfitta che la politica ha patito.
Non esiste ancora neanche un elenco completo del patrimonio (non risulta presente alcun allegato prescritto per altro nella norma), si vendono caserme e luoghi culturali a prezzi discutibli, si punta su non meglio precisati piccoli inceneritori, si glissa, nonostante i proclami, sulle scuole di Palagonia previste nel piano triennale e si sponsorizza una linea di credito con la Banca europea che non trova l’ente preparato con l’adeguata progettualità.
Si è pure visto il sostegno fattivo del PD che, dopo aver espresso convergenza con la giunta osteggiando le illegittimità da noi denunciate in tutto l’iter, si è astenuto nel voto finale segnando, ancora una volta e a nostro avviso, l’ambiguità politica di chi non rappresenta il mandato elettorale di opposizione per cui è stato eletto. Si è aggiunto al loro voto di astensione pure l’Italia dei Valori.
La bassezza delle argomentazioni ha pure dato spazio alla spaccatura dell’MPA.
Continueremo la nostra lotta nel rispetto dei ruoli e soprattutto della politica e delle istituzioni, forti delle nostre argomentazioni e consapevoli che queste destre sono “colossi dai piedi di argilla” considerando il fatto,non secondario, che il bilancio è passato per un solo voto!

I consiglieri
Antonio Tomarchio Comunisti Italiani – federazione della sinistra
Valerio Marletta Rifondazione Comunista – federazione della sinistra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...