Le api nere di Sicilia e il loro miele

[fonte] Non è vero che tutte le api sono gialle e nere. La livrea che normalmente associamo all’ape è in realtà tipica della ape ligustica, l’ape più diffusa in Italia, tanto da essere definita anche ape italiana. Esistono api scure, grigie o anche nerissime, proprio in Italia, simili morfologicamente alle api nere africane (dalle quali differiscono però per la minore aggressività): le quali nel dna hanno un miotipo genetico africano.
L’ape nera sicula (Apis mellifera sicula) ad esempio, scurissima, con la peluria grigia, quasi nera, che ha popolato per millenni la Sicilia, è stata abbandonata negli anni ‘60/70 quando gli apicoltori siciliani sostituirono i bugni di legno di ferula (tronchi quadrati usati come arnie) e iniziarono a importare api dal nord Italia. L’ape sicula rischiò in quegli anni la totale estinzione, evitata grazie agli studi e alle ricerche di un entomologo siciliano, Pietro Genduso, che la studiò per anni dopo la classificazione avvenuta per la prima volta nel 1911, e che trasmise poi questa vera e propria passione a uno studente, Carlo Amodeo, tuttora unico possessore di api sicule in purezza. Gli ultimi bugni di api nere sicule furono ritrovati in un baglio di Carini dove un vecchio massaro apicoltore ancora produceva miele con quel sistema antico. I bugni contenevano alcune famiglie di api che Carlo Amodeo, dopo aver deciso di praticare l’apicoltura professionale, conservò in isolamento sulle isole di Vulcano, Alicudi e Filicudi dove oggi produce l’unico miele in purezza di ape sicula. Oltre al colore scuro, l’apis mellifera sicula si distingue dalla ligustica anche per le ali più piccole. E’ molto docile, tanto che non servono maschere nelle operazioni di smielatura, è molto produttiva – anche a temperature elevate, oltre i 40° quando le altre api si bloccano – e sopporta bene gli sbalzi di temperatura. Caratteristiche molto importanti per la produzioni in aree dal clima molto caldo. Sviluppa precocemente la covata, tra dicembre e gennaio, evita quindi il blocco della covata invernale comune alle altre specie. L’ape nera sicula consuma anche meno miele delle altre api.

Il Presidio

Obiettivo del Presidio è la reintroduzione dell’ape nera sicula in Sicilia, per lo meno in quelle parti della regione dove la produzione di miele è meno diffusa e quindi le possibilità di contaminazione con altre api sono meno probabili. Il primo obiettivo è creare alcuni nuclei di ripopolamento in particolare nell’area nord – occidentale della Sicilia. Con la reintroduzione di api regine di nera sicula è possibile entro quattro o cinque anni ritornare ad avere alveari puri, tempo che potrebbe essere anche inferiore perché le api sicule in tale zona sono meno ibridate.
I mieli del Presidio sono quelli caratteristici della flora sicula: timo, nespolo, zagara, mandarino, sulla, eucalipto, cardo e astragalo nebrodiensis (un fiore unico, presente solo sui Monti Nebrodi). Oggi Amodeo è seguito dal Dipartimento di Entomologia agraria e dal Dipartimento di Biologica cellulare e dello sviluppo dell’Università di Palermo e dal CRA, il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, di Bologna, in particolare con l’Unità di ricerca di apicoltura.

Area di produzione

tutto il territorio della Sicilia

Stagionalità

Il miele viene prodotto da aprile a luglio e viene consumato nell’arco di tutto l’anno.

Come acquistare

Barattoli: da gr. 500

Asfodelo, arancio, mandarino tardivo di ciaculli, agrumi, cardo: € 4.80 a barattolo

Sulla: € 4.40 a barattolo

Eucaliptus, aneto: € 4.00 a barattolo

Astragalo nebrodensis: € 7.00 a barattolo

Nespolo: € 10.00 a barattolo

Ordine minimo: 12 barattoli

I prezzi si intendono Iva e trasporto incluso

Per ordini: Susanna Spisso

Tel: +39 091 8114615

Mail: apicolturaamodeo@libero.it

Annunci

One thought on “Le api nere di Sicilia e il loro miele

  1. perchè, dato che siamo su “Qui Mineo”, nn parliamo dell’azienda agricola che produce miele del ns territorio? nn che abbia bisogni di pubblicità, però….. mi sembrerebe più coerente. ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...