Bando per cinque operatori progetto "Il lavoro che include"

“Il lavoro che include”: c’è anche il microcredito fra gli strumenti utilizzati per l’integrazione e l’inserimento lavorativo di 210 persone svantaggiate: entro il 20 gennaio 2011 le domande per selezionare 5 operatori.

Con i 1,5 milioni di euro utilizzati per l’integrazione e l’inserimento lavorativo di 210 persone svantaggiate, nel Calatino si punta anche sul microcredito, che consiste nel dare in prestito, attraverso un apposito fondo, somme di denaro, senza pretendere alcuna garanzia materiale, a chi non potrebbe permettersi di fornirla ed è, quindi, escluso dal sistema bancario tradizionale.
La fondazione “Microcredito e Sviluppo”, appartenente alla coalizione territoriale formata dalla Provincia regionale di Catania, dai Comuni di Caltagirone (capofila), Castel di Iudica, Grammichele, Militello in Val di Catania, Mineo, Mirabella Imbaccari, Palagonia, Radddusa, Ramacca, San Cono, San Michele di Ganzaria, Scordia, Vizzini, da altri tre Comuni della provincia di Enna (Catenanuova, Centuripe e Regalbuto), dai centri Eda (Educazione degli adulti) “Narbone” di Caltagirone e “Ponte” di Palagonia e da quattro partner privati (Adis Onlus, Consorzio Sol Calatino, Consorzio cooperative sociali Sole e società consortile Concreta) ha, infatti, indetto la selezione per il reclutamento, con contratto di prestazione d’opera occasionale, di 5 operatori di microcredito.
Le domande di partecipazione dovranno essere presentate alla fondazione Microcredito e Sviluppo attraverso l’ufficio protocollo del Comune di Caltagirone, entro le 12 di giovedì 20 gennaio. I moduli per la domanda e l’avviso pubblico possono essere scaricati dal sito http://www.comune.caltagirone.ct.it.
Gli operatori di microcredito si dedicheranno a una serie di attività di animazione nei Comuni del territorio per avviare all’autoimpresa quanti, fra i fruitori dell’iniziativa, dimostrino competenze e attitudini per questo scopo. Si tratta dei 210 soggetti svantaggiati (105 disabili e 105 giovani in condizioni di disagio) fruitori e protagonisti del progetto “Il lavoro che include”, promosso dalla coalizione territoriale.
“Le 210 persone – spiega l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Caltagirone, Cristina Navarra – stanno partecipando a un’attività di prima formazione nei centri Eda di Palagonia e Caltagirone. Poi passeranno alla seconda fase, quella di work esperience in aziende private, per la cui individuazione stiamo predisponendo il bando”.
“L’obiettivo – sottolinea il sindaco Francesco Pignataro – è la realizzazione di azioni di supporto ai soggetti svantaggiati attraverso percorsi di formazione, orientamento ed esperienze di lavoro finalizzati all’acquisizione di competenze specifiche”.

Mariano Messineo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...